alga spirulina

L’alga spirulina: un integratore poco conosciuto!

Quando ho sentito parlare per la prima volta dell’alga siprulina, ero al “Bibione Beach Fitness” del Settembre 2014. Come tutti sanno, è la convention più cool di fine estate e inizio stagione sportiva. Un mix di formazione e aggiornamento, novità stimolanti e spunti interessanti, musica nuova e tanto divertimento!

In questo turbine di novità, mi capita di assaggiare questo agglomerato verde e azzurro: l’alga dalle molteplici proprietà.

Memorizzo il nome della spirulina e mi riprometto di riparlarne con validi nutrizionisti una volta rientrata. Mi confermano che è un grande alimento, ricco di benefici e di proprietà nutritive

Ne faccio subito scorta e anche oggi non manca mai nelle mie interminabili giornate.

Tracciamo insieme le caratteristiche principali per capire la grande utilità di questa alga poco conosciuta.


Caratteristiche dell’alga spirulina

La spirulina è scientificamente conosciuta con il nome di Arthrospira platensis, della famiglia delle Cyanophiaceae e vive principalmente nell’acqua dolce delle aree subtropicali, cioè in acque prettamente alcaline e calde.

Ha un colore verde-azzurro e la tipica forma a spirale, che le ha conferito il nome. In genere non supera il mezzo millimetro e presenta una quantità di clorofilla molto elevata, motivo del suo colore verdastro.

Veniva coltivata soprattutto presso il lago Ciad dagli Aztechi e assunta dalle donne durante la gravidanza. Oggi si trova in particolare presso i laghi Totalcingo e Texaco, sull’altopiano messicano.

A livello nutrizionale quest’alga presenta macro e micro nutrienti in quantità e qualità eccezionali: 

  • 60% di proteine ad altissimo valore biologico;
  • 25% di carboidrati;
  • 8-10% di lipidi;
  • 7-5% di vitamine del gruppo A, B, C, E e minerali.


I benefici dell’alga spirulina

E’ quindi intuibile che la spirulina può essere impiegata come integratore per gli sportivi. Ne possono fare uso anche i vegetariani (o vegani) che seguono, inevitabilmente, una dieta povera di proteine ad alto valore biologico.

La definizione di superfood nasce dal fatto che la spirulina riesce a modulare numerosi processi fisiologici e presenta un’azione ad ampio spettro.

Proviamo quindi ad individuare con precisione le sue straordinarie e principali qualità:

  • Attività antinfiammatoria e anti radicalica. Data la presenza di acidi grassi omega-6 e omega-3, oltre che le tre vitamine del complesso ACE, è efficace contro le infiammazioni ed agisce contro i famosi radicali liberi.
  • Attività ipolipidemica. Contiene dei composti che migliorano il rapporto fra il colesterolo buono (HDL) e quello cattivo (LDL).
  • Attività immunostimolante. Favorisce il buon funzionamento del sistema immunitario, riducendo gli stati allergici ed aiutando chi siffre di patologie virali croniche (es. Herpes).

E’ risultata così completa e valida, tanto da essere somministrata agli astronauti della NASA, prima e durante le loro missioni spaziali.


Proprietà ed uso dell’alga spirulina

Le proprietà nutrizionali della spirulina sono eccezionali, come abbiamo appena visto.

In particolare quest’alga d’acqua dolce è ricca di biliproteine, proteine vegetali che sono state predigerite dalla pianta stessa e che, grazie a ciò, permettono una migliore assimilazione.

Oltre alle vitamine e agli acidi grassi essenziali già elencati, la spirulina contiene minerali come il ferro e oligoelementi.

L’alga si trova in commercio in forme diverse, insieme ad altri cibi, oppure in polvere, in capsule, in fiocchi o in barrette.

Tornando alla vita pratica, per chi volesse utilizzarla come integratore, i dosaggi variano tra i 2 ed i 12 grammi.

Per gli sportivi si consiglia un’assunzione di 6g giornalieri distribuiti sui tre pasti principali. Chi invece la vuole usare come antiossidante con effetto anti-aging può assumerne 2-3g al giorno, sempre prima dei pasti principali.


Controindicazioni e conclusioni

Particolari controindicazioni riguardano quelli di tutte le alghe in genere e di un loro sovradosaggio.

Possono quindi manifestarsi effetti collaterali come vomito, nausea, stitichezza e febbre. Bisogna limitarne l’assunzione se un soggetto soffre di tiroide e tende all’ipertiroidismo.

Se consumata nelle giuste dosi, comunque, non provoca nessun problema.


Se ti interessa unire sport e cibo, ti consiglio di leggere anche un altro nostro articolo riguardante l’Alimentazione,


Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato.


Photo by Vita Marija Murenaite on Unsplash